"Falsa lettera di intento". Il venditore non è responsabile