Banca d'Italia: le novità del concordato e gli effetti sulla qualità del credito dei debitori